IMG_4275.JPG

Biografia

Mariko Lepage ha studiato inizialmente Violino al Conservatorio "Gabriel Fauré" nella classe di E. Adamopoulos, dedicandosi successivamente al canto lirico. Ha compiuto i suoi primi passi sulla scena nel 2011, all'età di diciotto anni, nel ruolo di Frasquita (Carmen, regia J. Mazeau, diretto da É. Gobard) ed è entrata nella classe di Alexandra Papadjiakou lo stesso anno. Parallelamente ai suoi studi alla Sorbonne, dove ha conseguito il Triennio in Musicologia, ha diversificato i suoi studi al Conservatorio Regionale di Parigi in Storia della musica, Analisi, Formazione musicale, Direzione di coro e Canto lirico.

 

In febbraio 2021, Mariko si è diplomata al Triennio di Canto lirico nella classe di Lothar Odinius alla Hochschule für Musik di Dresda. Nell'ambito del programma Erasmus, ha studiato nella classe di Monica Bozzo al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Attualmente sta completando gli studi di Canto Lirico alla Hochschule für Musik di Karlsruhe / Institut für Musik-Theater nella classe di Hanno Müller-Brachmann.

Ha ricevuto la borsa di studio della Fondazione "Ad Infinitum" di Lubecca, della Richard Wagner Verband Dresden e del Yehudi Menuhin Live Music Now Oberrhein e.V ed è risultata vincitrice del Kammeroper Schloss Rheinsberg (stagione 2019).

Musicista eclettica, si esibisce in vari progetti artistici, in particolare alla famosa Salle Gaveau di Parigi, dove interpreta nel maggio del 2015 il ruolo di Adèle ("Die Fledermaus", J. Strauss, dir. M. Cousteau), ma anche all'Institut du Monde Arabe nello spettacolo "L'Orient revisité" e ha cantato al Museo Carnavalet per la Notte europea dei musei 2016. La musica contemporanea occupa una parte importante nella sua carriera, un repertorio che difende anche come solista durante le creazioni di "Floraison de seize ans" di Shih Ya Peng (Festival “Écouter le mouvement” 2012) o Yûgen di Patrice Bernard (2014). Nel 2018, è stata invitata a Parigi per cantare la parte solista del Requiem di Fauré nella chiesa della Madeleine (direzione E. Calef), quindi in Italia per un recital solista di mélodies françaises nell'ambito del 1° Festival Internazionale di Gargonza. Durante la stagione 2018/19, ha interpretato la donna del marinaio nel dittico "Le Pauvre Matelot / Gianni Schicchi" presso la "Kleines Haus des Staatsschauspiel" di Dresda. È invitata inoltre a esibirsi in diverse esibizioni durante la prima edizione del Festival "Grasse au Pays des Merveilles" nel Sud della Francia nell'estate del 2019.

Nella stagione 2021/2022, Mariko ha fatto il suo debutto nel ruolo di Gretel in Hänsel und Gretel di Humperdinck (direttore A. Seidlmeier, regista A. Raabe) e al Carnegie Hall di New-York nel concerto della prima edizione della "Vincerò Academy" (direzione artistica Abdiel Vazquez).

"Mariko Lepage nel ruolo della moglia di Matelot [...] si distingue vocalmente con espressione"

                                                             - Dresdner Neueste Nachrichten, 29 Aprile 2019